mercoledì 13 novembre 2013

Il Mattino di Padova - La forza degli anni. «Ascoltate i nonni»

12 Novembre 2013

PIANETA ANZIANI. Un momento della presentazione del libro «La forza degli anni» nella sala dello studio teologico del Santo.

Presentato il libro della comunità Sant'Egidio sulla terza età. «Spesa sanitaria altissima nell'ultimo anno di vita»

«Claudus eget bacolo; pauper amico». Lo zoppo ha bisogno del bastone, il povero di un amico. L'anziano, spesso di entrambi, ma soprattutto di tenerezza, di amore, di simpatia. Il libro «La forza degli anni» presentato ieri dalla comunità di Sant'Egidio nella sala dello Studio Teologico del Santo, dà luce piena ai problemi della terza età, questo dilatarsi della vita che combina la coscienza della fragilità con la paura della morte.
Antonio Ramenghi, direttore de "Il Mattino di Padova" ha letto una lettera del ministro Zanonato, che avrebbe voluto essere presente all'incontro nella sua città e vicino a quella Comunità di Sant'Egidio che ha fatto crescere l'empatia nei confronti degli anziani ed ha accompagnato, distribuendo serenità, tante vite verso il tramonto. Ramenghi ha ricordato una frase di Papa Francesco che ha invitato i bimbi ad ascoltare i nonni. E ha aggiunto, rivolto agli adulti: «Un popolo che non ascolta i nonni è un popolo che muore». Non c'è ingenuità in questa affermazione ma la coscienza che la cancellazione della memoria è regressione, come cancellare dal dna la sovrapponibilità del pollice. Oggi le categorie marginalizzate sono quelle dei giovani sotto i trent'anni privati di futuro e degli anziani sopra i 75 anni, considerati un peso, un peso sociale che minaccia di azzerare il welfare.
Dice Giampiero Della Zuanna, demografo: «Metà della spesa sanitaria si concentra nell'ultimo anno di vita, quando per la sopravvivenza si spendono 100 mila euro a persona. Questo ha senso se gli ultimi giorni scorrono nella serenità. Occorre trattenere l'anziano nella propria casa oppure creare piccole comunità in cui sia curato, consolato anche nella paura di notti che non finiscono mai. È giusto che si aspiri ad una fine circondati da cure e da amici, è giusto che ci siano risparmiate  la povertà e la solitudine». La scrittrice Antonia Arslan ci ha commosso con il racconto di un viaggio a New York per visitare una docente universitaria che ha compiuto in cattedra 100 anni, lucida, vivace, allegra le è stato reso omaggio da generazioni di studenti. Sister Mary T.Clark è una suora, era vestita di viola, con una splendida spilla, ha parlato per venti minuti, senza un'incertezza. Intensa, con la sottolineatura del valore della preghiera, la prefazione di Andrea Riccardi.
Aldo Corneli